Public User (Not signed in)
  • Print Page Content
Francesco Grossi
Italy
 
I'm Francesco and I have attended Selwyn College for 3 months. 

It's difficult to write all the experiences, feelings and emotions which I have experienced and felt in NZ. My early days were upsetting as it's hard to be catapulted into a new reality and a thoroughly different world. However, after just a short while, I started to get used to my new lifestyle and since then, my experience has been absolutely unforgettable. Now New Zealand is my second country and Selwyn College my second school. 

The school, uniform and open classes really amazed me. I loved the incredible mix of people coming from hundreds of nations around the earth. I think It's the most successful melting-pot I have ever seen. No matter where you are from, there’s no racism, no prejudices - all are together towards a mutual goal. 

I had the fortune to play on the Selwyn Football team, even scoring a goal! As for life in NZ, I will never forget how warm and friendly the people are. Common words which usually no one cares about, such as "thanks", "sorry" and "you are welcome", still have a deep-rooted meaning in this land. It's a way to greet people, letting them understand that they are really welcome. It might seem unimportant but it's much easier for the foreign visitor to adapt to another country if its people do their best to make him feel at home. I love the "kiwi culture" and I would suggest everybody comes to New Zealand. I will remember the pride of belonging to a nation, identified in the All Blacks. They are not just a team, they are a religion. 

According to me, the symbols of NZ are the huge ocean's waves banging against the rock. With violence and power, demanding freedom.

Per quanto riguarda la vita in NZ, non Sono Francesco e ho frequentato il Selwyn College per tre mesi. è difficile raccontare tutte le esperienze passate e descrivere tutte le emozioni, i sentimenti provati durante il mio soggiorno in NZ. I primi giorni qui mi hanno demoralizzato poichè non è facile essere catapultati in una realtà completamente diversa, in un mondo completamente diverso. In ogni caso, dopo poco tempo ho iniziato ad abituarmi ad un nuovo stile di vita e da allora è diventata un'esperienza indimenticabile. Ora la Nuova Zelanda è il mio secondo paese e il Selwyn College la mia seconda scuola.

La scuola, l'uniforme, le classi aperte mi hanno affascinato. Amo l'incredibile mix di persone provenienti da centinaia diversi paesi di ogni parte del mondo. Penso sia il punto d'incontro tra diverse culture più riuscito che io abbia mai visto. Non importa da dove vieni, non c'è razzismo, non ci sono pregiudizi, tutti sono uniti verso un'unica meta.

Ho avuto la fortuna di giocare nella squadra di calcio del Selwyn, ed ho pure fatto un goal! dimenticherò mai il calore e la cordialità delle persone. Parole comuni che di solito nessuno nota, come "grazie", "scusa" e "prego" in questa terra hanno ancora un significato profondo. è un modo diaccogliere le persone e far capire loro che sono le benvenute davvero. Può sembrare insignificante ma rende molto più facile per gli stranieri l'adattarsi se le persone fanno del loro meglio per farti sentire a casa. Amo la "kiwi culture" e suggerisco a tutti di venire in NZ. Ricorderò l'orgoglio di appartenere ad una nazione che si identifica negli All Blacks. Non è solo una squadra, sono una religione.

Secondo me il simbolo della NZ potrebbero essere le onde enormi che si infrangono sulla roccia. Con energia e violenza, chiedendo libertà.